giovedì 26 aprile 2007

TALES OF MYSTERY AND IMAGINATION (THE ALAN PARSONS PROJECT) - 1976


Dopo aver prestato opera come tecnico del suono in album importanti (su tutti, "The dark side of the moon" dei Pink Floyd), Alan Parsons decise di dedicarsi non solo alla produzione e registrazione, ma anche alla composizione di album.
Il suo "Project" ha incluso un gran numero di musicisti, alcuni dei quali in pianta stabile, altri assunti a titolo temporaneo.
Quello che propongo oggi è l'album d'esordio del "Alan Parsons' Project". Sono riconoscibili alcuni tratti comuni con i Pink Floyd, soprattutto quelli di "The dark side of the moon" (esempio, il crescendo strumentale introduttivo, la nozione di 'concept album', il corposo strumentale che occupa quasi tutto il lato B). Ovviamente, ogni paragone fra questo album e il capolavoro floydiano non è azzardabile neppure lontanamente. In ogni caso, "Tales of mystery and imagination" (ispirato all'omonima raccolta di romanzi del terrore di Edgar Allan Poe) è un disco che si ascolta volentieri. Gli episodi più interessanti sono, a mio parere, "The raven", "The cask of amontillado", e la suite "The fall of the house of Usher".
Voto personale (scarso / insufficiente / sufficiente / buono / distinto / ottimo / eccellente): Distinto.

After being the sound engineer in a number of major rock albums (the most remarkable one being Pink Floyd's "The dark side of the moon"), Alan Parsons made his mind to switch to composing, producing and recording albums of his own.
Alan Parsons' "Project" included a number of musicians, some employed as permanent staff, some hired for one single album.
Today I'm posting Alan Parsons' first album. It shares common traits with the Pink Floyd's records, especially "The dark side of the moon" (e.g. the instrumental introduction, the 'concept' album scheme, the big instrumental piece that occupies nearly the entire side "B" of the original record). In any case, any comparison between Alan Parsons' work and Pink Floyd's masterpiece cannot be conceived of at all. However, "Tales of mystery and imagination" (named after the collection of horror stories by Edgar Allan Poe) is no doubt a "nice" album. Among the best tracks are, in my opinion, "The raven", "The cask of amontillado", and "The fall of the house of Usher".
My personal mark (very poor / poor / pass / good / fairly good / very good / excellent): Fairly good.

ALLA REALIZZAZIONE DEL DISCO HANNO PARTECIPATO DECINE DI MUSICISTI (ORCHESTRALI COMPRESI), CHE NON REPUTO PERTANTO OPPORTUNO MENZIONARE SINGOLARMENTE.

THE ALBUM WAS RECORDED BY HIRING DOZENS OF MUSICIANS (INCLUDING ORCHESTRA PLAYERS), WHOM I DO NOT DEEM IT PROPER TO MENTION INDIVIDUALLY.

TRACK LIST:

1. A dream within a dream
2. The raven
3. The tell-tale heart
4. The cask of amontillado
5. The system of Doctor Tarr and Professor Fether
6. The fall of the house of Usher: 1) Prelude, 2) Arrival, 3) Intermezzo, 4) Pavane, 5) Fall
7. To one in Paradise

TALES OF MYSTERY AND IMAGINATION (THE ALAN PARSONS' PROJECT) - 78,3 MB

1 commento:

promozione projectologa ha detto...

Questo è uno degli album più belli del Project. La suite "The fall of..." è magica! Io però vado pazza per "The Turn of A friendly card"... Complimenti continua così!! Until the next time...