martedì 18 dicembre 2007

YESSONGS (YES) - 1973


Se mi chiedessero di scegliere un album dal vivo che meglio di tutti esemplifica lo spirito "progressive" dei primi anni Settanta, non avrei nessun dubbio a rispondere “Yessongs”, nonostante - ahimè - la produzione lasci a desiderare e la qualità sonora sia mediocre, a causa delle tecniche di registrazione analogiche esistenti nel 1972-73. In ogni caso, la musica di questo album è fantastica.
"Yessongs" dunque figura fra i migliori album rock che prediligo in assoluto. Fu pubblicato nel 1973 come triplo LP con lo scopo di presentare gli Yes dal vivo durante la loro tournee del 1972. I brani sono tratti da “Fragile", "Close to the edge" e “The Yes album”, considerati da molti gli album migliori del gruppo.
Esistono poche band che rendono meglio dal vivo che in studio di registrazione: con “Yessongs”, gli Yes dimostrano di essere una di tali band. Wakeman è il perfetto complemento da palcoscenico al vocalist Jon Anderson; Steve Howe è un vero genio della chitarra; Chris Squire suona il basso con la precisione di un orologio svizzero; Jon Anderson vanta una delle voci più cristalline che si siano mai sentite nell’universo rock. Forse l’anello debole è rappresentato da Alan White, ma solo se si fa il paragone con Bill Bruford (di cui White prese il posto); per il resto, si tratta di un ottimo batterista.
I brani proposti in questo album dal vivo rappresentano i migliori momenti “progressive” degli Yes agli inizi: si tratta, in prevalenza, dei pezzi più sinfonici e suggestivi degli album "Close to the edge", "Fragile" e "The Yes album". Il brano di apertura (“Opening”), tratto dalla “Suite dell’uccello di fuoco” di Igor Stravinsky, è un brano classico pirotecnico suonato dall’orchestra, il quale ricorda in qualche modo "Journey to the center of the Earth", l’album solista del tastierista Rick Wakeman. L’assolo di batteria di Alan White nel brano intitolato "Perpetual change" è davvero originale e imponente, al pari dell’assolo di chitarra di Howe in "And you and I". Per non parlare degli “estratti” dall’album solista di Wakeman “The six wives of Henry VIII": gli Yes smettono di suonare, lasciando Wakeman e le sue tastiere i soli protagonisti della scena. E la splendida "Mood for a day" suonata da Steve Howe alla chitarra acustica è una gemma musicale che commuove e incanta.
Un album fenomenale, nonostante la qualità della registrazione. Nessuna collezione degli Yes può dirsi tale se manca Yessongs.
Voto personale (scarso / insufficiente / sufficiente / buono / distinto / ottimo / eccellente): Eccellente.

If somebody asked me for a live album that describes perfectly the progressive spirit of the early 70’s, I would answer Yessongs without any hesitation, even if production sucks and audio quality is mediocre due to primitive analog recording techniques existing in 1972-73. In any case, the music is fantastic.
"Yessongs" ranks as one of my all-time favourite albums. It was released in 1973 as a triple vinyl album set devoted to capturing Yes live on their 1972 tour. The band here perform songs from "Fragile", "Close to the edge" and “The Yes album”.
Few bands sound better on stage than in studio: with Yessongs you have the chance of listening one of them. Wakeman is a perfect showman to complement Jon Anderson; Steve Howe is a genius with his magic guitar; Chris Squire is precise as always; and Jon Anderson features one of the most crystalline voices ever heard in the rock universe. Maybe the weakest link is Alan White but only if you compare him with Bill Bruford, the previous Yes member; otherwise, he's a very good drummer.
The chosen tracks are very representative of the most progressive moments of the early Yes: indeed most of the epic tracks from "Close to the Edge", "Fragile" and "The Yes album" are played. The "Opening" track, an excerpt from Stravinsky’s "Firebird Suite", is a flamboyant classical piece played by an orchestra, reminding Rick Wakeman's "Journey to the center of the Earth" album. Alan White's drums solo on "Perpetual change" is original and impressive, and so is Howe's electric guitar solo on "And you and I". The excerpts from Wakeman’s solo album "The six wives of Henry VIII" are very interesting: Yes stopped to play, leaving all the available room to Rick's delightful keyboards. And Steve Howe playing "Mood for a day" is always a gratification for the soul.
An excellent album despite the technical problems, no Yes collection is complete without Yessongs.
My personal mark (very poor / poor / pass / good / fairly good / very good / excellent): Excellent.

YES (1973):

Jon Anderson – voce solista, chitarre acustiche (lead vocals, acoustic guitars)
Chris Squire – basso, cori (bass, backing vocals)
Rick Wakeman – tastiere (keyboards)
Bill Bruford – batteria e percussioni, brani n° 4 e 10 (drums and percussions on tracks 4 and 10)
Alan White – batteria e percussioni, tutti gli altri brani (drums and percussions on everything else)
Steve Howe – chitarre elettriche e acustiche, cori (electric and acoustic guitars, backing vocals)

TRACK LIST:

DISC 1:

1. Opening (Excerpt from "Firebird suite")
2. Siberian khatru
3. Heart of the sunrise
4. Perpetual change
5. And you and I
5a) Cord of life
5b) Eclipse
5c) The preacher the teacher
5d) The apocalypse
6. Mood for a day
7. Excerpts from "The six wives of Henry VIII"
8. Roundabout

DISC 2:

1. I've seen all good people
1a) Your move
1b) All good people
2. Long distance runaround / The fish
3. Close to the edge
3a) The solid time of change
3b) Total mass retain
3c) I get up, I get down
3d) Seasons of man
4. Yours is no disgrace
5. Starship trooper
5a) Life seeker
5b) Disillusion
5c) Wurm

YESSONGS (YES) - DISC 1 (70,8 MB)

YESSONGS (YES) - DISC 2 (57,8 MB)

1 commento:

DeadPoetPaloz ha detto...

Un'impresa colossale, quella degli Yes, nel rifare tutti questi brani dal vivo, e PERFETTAMENTE. Non mi sembra che la qualità audio sia cattiva... Comunque, come sempre, ottimo disco.