giovedì 27 dicembre 2007

TRILOGY (EMERSON, LAKE AND PALMER) - 1972


Pubblicato nel 1972, “Trilogy” è il terzo album in studio di Emerson, Lake and Palmer. L’interno della copertina pieghevole del long-playing mostrava un fotomontaggio con immagini ripetute del gruppo nel mezzo di una foresta tappezzata da foglie autunnali.
Dopo i due ottimi album in studio pubblicati in precedenza dalla band (“Emerson, Lake and Palmer” del 1970 - vedere il mio post del 14 maggio - e “Tarkus” del 1971), “Trilogy” contribuì ad aumentare la fama mondiale di Emerson, Lake e Palmer, con una serie di brani di ottima fattura, fra i quali "Hoedown", pezzo forte dei loro spettacoli dal vivo.
Il brano d’apertura "The endless Enigma (Part 1)" inizia con il battito del cuore, un effetto sonoro realizzato utilizzando il pedale della cassa della batteria Ludwig Octoplus di Palmer. Un effetto molto simile lo si ritrova, a distanza di un anno, nei secondi iniziali (e finali) del capolavoro dei Pink Floyd “The dark side of the moon”. Ma è il pezzo di chiusura a lasciare stupefatti: "Abaddon's bolero", un bolero “marziale” in 4/4 (curiosa variazione rispetto al 3/4 tipico di questa danza), incentrato su una melodia ripetuta più volte, con graduali e progressivi arricchimenti strumentali e timbrici che conducono ad un finale roboante ed esplosivo. A quanto pare, Keith Emerson si è rifatto al ben più celebre “Bolero” classico di Maurice Ravel.
Voto personale (insufficiente / sufficiente / buono / distinto / ottimo / eccellente): Ottimo.

“Trilogy” is the third studio album by Emerson, Lake and Palmer, originally released in 1972. The original interior of the original gatefold sleeve features a photomontage showing multiple images of the band in a forest carpeted with autumn leaves.
The band had already released two very carefully performed studio albums, “Emerson, Lake and Palmer” (1970 - see my post on May 14th) and “Tarkus” (1971); “Trilogy” increased EL&P's worldwide popularity, and included "Hoedown", which was one of their most popular songs when performing live.
The song "Endless Enigma (Part 1)" opens with the sound of a beating heart, an effect created by the bass drum pedal of Palmer's Ludwig Octoplus drums kit. Very similar sounds could be found a year later opening (and closing) Pink Floyd’s “The dark side of the moon”. "Abaddon's bolero", the closing piece, sounds like a martialized bolero in 4/4 rhythm, rather than the usual 3/4. A single melody containing multiple modulations within itself is repeated over and over in ever more thickly layered arrangements, starting from a quiet flute-like sound over a single drum, and building up to an ear-shattering wall of sound. This aspect may well be a nod to the similar effect in Maurice Ravel’s famous “Bolero”.
My personal mark (poor / pass / good / fairly good / very good / excellent): Very good.

EMERSON, LAKE & PALMER (1972):

Keith Emerson - tastiere (keyboards)
Greg Lake - voce, basso, chitarre (vocals, bass, guitars)
Carl Palmer - batteria e percussioni (drums and percussions)

TRACK LIST:

1. The endless enigma (Part 1)
2. The fugue
3. The endless enigma (Part 2)
4. From the beginning
5. The sheriff
6. Hoedown (from Rodeo)
7. Trilogy
8. Living sin
9. Abaddon's bolero

TRILOGY (EMERSON, LAKE AND PALMER) - 38,8 MB

1 commento:

DeadPoetPaloz ha detto...

Sbavaz! Il mio preferito degli ELP, da sempre.