giovedì 31 gennaio 2008

TUBULAR BELLS (MIKE OLDFIELD) - 1973


“Tubular bells”, uno dei maggiori successi in assoluto della musica pop contemporanea, fu scritto ed eseguito quasi per intero da Mike Oldfield. Si tratta dell’album con il quale la casa discografica Virgin Records iniziò la propria fortunata attività. Infatti, Oldfield aveva presentato il materiale di “Tubular bells” a numerose case discografiche di rilievo, le quali tuttavia considerarono il progetto non degno di nota. Nello showbusiness musicale circola una storia secondo la quale il responsabile EMI che esaminò (e scartò) l’album di Oldfield fu licenziato dopo che il disco divenne un successo mondiale pubblicato dalla Virgin.
Mike Oldfield suona in pratica tutti gli strumenti dell’album, utilizzando una tecnica di sovraincisioni successive. Molti dei suoi lavori successivi (vedere i miei post di “Ommadawn”, 28 marzo 2007, e “Hergest ridge”, 29 giugno 2007) furono realizzati mediante tale tecnica. Il celebre brano di apertura compare nell’altrettanto celebre film “L’esorcista” e rappresenta indubbiamente il tramite mediante il quale “Tubular bells” è diventato un album di dominio mondiale.
L’album rimase nelle classifiche britanniche per oltre 5 anni e, secondo alcune statistiche, avrebbe venduto dai 15 ai 17 milioni di copie in tutto il mondo. “Tubular bells” permise a Oldfield di aggiudicarsi il Grammy Award 1975 per la migliore composizione strumentale.
Voto personale (insufficiente / sufficiente / buono / distinto / ottimo / eccellente): Eccellente.

One of the greatest pop music achievements of all times, “Tubular bells” was written and mostly performed by Mike Oldfield. After Oldfield approached (and was rejected by) many other established record labels, Virgin Records released Oldfield's debut album “Tubular bells” as its first album. So the story goes, after the original record became a success with Virgin, the A&R manager responsible for having reviewed Oldfield at EMI in London was subsequently fired.
Mike Oldfield played most of the instruments on the album, recording them one at a time and layering the recordings to create the finished work. Many of his subsequent albums (see my posts of “Ommadawn” - March 28, 2007 - and “Hergest ridge” - June 29, 2007) feature this technique. The opening theme, which was eventually chosen for “The exorcist” gained the record considerable publicity and is how most people have probably first heard the work.
The album stayed in the British charts for over five years and sold, according to some reports, 15 to 17 million copies worldwide. Mike Oldfield received a Grammy Award for the best instrumental composition in 1975.
My personal mark (poor / pass / good / fairly good / very good / excellent): Excellent.

TUBULAR BELLS (MIKE OLDFIELD) - 67,1 MB

1 commento:

DeadPoetPaloz ha detto...

Forse il mio disco preferito in assoluto. Il tuo "eccellente" mi ha dato somma gioia.. Un Capolavoro con la C maiuscola, composizione direi davvero perfetta, Oldfield come non lo vedremo mai più..